IntoTheBike Cicloturismo in Terra di Brindisi - Immagine Principale

Santa bicicletta: sempre lei protagonista. da bambini e da grandi, da amatori e da campioni. Non serve farle un monumento. Nel cuore c’è già - Candido Cannavò

IntoTheBike Cicloturismo in Terra di Brindisi - Immagine Principale

La vita è come andare in bicicletta. Per mantenere l'equilibrio devi muoverti - Albert Einstein

IntoTheBike Cicloturismo in Terra di Brindisi - Immagine Principale

Nessuna delle nostre piccole sofferenze quotidiane resiste a un buon colpo di pedale. Tristezza, attacchi di malinconia... Inforchiamo la bicicletta e fin dalle prime pedalate abbiamo l'impressione che un velo si squarci - Didier Tronchet

IntoTheBike Cicloturismo in Terra di Brindisi - Immagine Principale

La bicicletta è la trascrizione della energia in equilibrio, l'esaltazione dello slancio, l'immagine visibile del vento. Tendenzialmente vola; rade ma non tocca la terra - Cesare Angelini

IntoTheBike Cicloturismo in Terra di Brindisi - Immagine Principale

La bicicletta somiglia, più che ad ogni altra macchina, all'aeroplano: essa riduce al minimo il contatto con la terra, e soltanto la sua umiltà le impedisce di volare - Mauro Parrini

Diario di un ciclista urbano - Numero 9

5 Dicembre 2011 | Pubblicato da Christian Muraglia

Diario di un ciclista urbano - Numero 9

La stagione fredda è alle porte. Il periodo dell’anno in teoria è poco adatto al carattere nomade della bicicletta. Ma siamo a Brindisi. E soprattutto è ancora autunno. Ai più sfugge che l’inverno vero e proprio entrerà solo il 21 del mese corrente. Il nostro clima ci permette tuttora lunghe ciclopasseggiate volte alla scoperta dei tesori nascosti della provincia.

 

Ecco di nuovo che la bici diventa il mezzo per riappropriarsi non solo dello spazio che ci circonda, ma soprattutto del tempo, inteso come istante che scorre e come momento presente.

Siamo talmente occupati da impegni e priorità dettati dai nuovi stili di vita votati al “consuma, produci e poi crepa” che abbiamo perso di vista chi siamo, non ricordiamo niente del nostro passato comune ed il luogo geografico in cui viviamo è solo un punto indifferenziato sul mappamondo.

 

Ci facciamo coccolare da automobili che ci inflaccidiscono, da LCD che ci rincretiniscono e da videogame che promettono esistenze avventurose. Il nostro quotidiano è scandito dalla pubblicità. Il mese di dicembre prende vita solo nelle réclame che ci ricordano che è il periodo dei regali. E’ l’ora di comprare. Siamo autorizzati a spendere e spandere.

 

Nell’immaginario collettivo plasmato dalla TV, Brindisi a Natale è imbiancata dalla neve, il motivetto di “Jingle bell rock” imperversa per le strade e da qualche parte c’è un bimbetto biondo che ha perso l’aereo. Ma il mondo reale è un altro. Ed anche se non ha i colori sfavillanti di un 42 pollici full HD, è comunque migliore e più appagante di qualsiasi surrogato di vita offerto dalle tecnologie più moderne.

 

E’ la realtà, per esempio, di Mamadù. Da un po’ di anni ormai, i giovani componenti di questa associazione di volontariato si muovono ed operano tra botteghe equo – solidali, mercatini biologici, sostenibilità degli stili di vita moderni e tutto quello che è difesa della dignità di uomini e popoli,  con il solo scopo di… Dare l’esempio.

Perché è attraverso il FARE che si cambiano le cose. Quale migliore occasione quindi della “Giornata del Baratto”. Riscoprire l'antica pratica dello scambio senza denaro dando nuova vita ad oggetti ritenuti non più utili ma che potrebbero essere recuperati da nuovi proprietari. Un invito teorico, ma soprattutto pratico, al consumo critico, in una società dominata dalla logica del profitto ed annientata dal mito della crescita a tutti i costi.

 

E se proprio non potete fare a meno di spendere, allora comprate una bicicletta.

 

 

 

Originariamente pubblicato sul numero 9 di ILoveBrindisi.

TORNA ALLA HOME >
Federazione Italiana Amici Bicicletta